LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE

ATTIVITA’ DEI COMITATI PROVINCIALI
MASSA – CARRARA

Sabato 28 Aprile 2018 
dalle ore 10.00 al primo piano dell’ex-palazzo Enel in via Cavour 23 a Massa,
si svolgerà  un incontro pubblico sulla Riforma del terzo settore in atto, e sulle novita’ nell’ambito delle  normative e fiscali per associazioni  e delle societa’ sportive.

Interverranno la Dott.sa Giulia Bugliani  con un intervento su la nuova normativa giuridica degli enti no profit,

a seguire il Dott. Commercialista Franco Bay sulla riforma della fiscalita’ degli enti del terzo settore, nuove normative Coni.

Gli esperti risponderanno alle domande e dubbi che questo momento di cambiamento dell’associazionismo, sta creando nei responsabili e volontari del terzo settore.

Il seminario è gratuito e aperto a tutti , è comunque gradita una comunicazione di partecipazione.

Per informazioni chiamare 3384339393 presidente Aics MassaCarrara o inviare una mail a:comitatoaicsms@gmail.com.

LOCANDINA – SEMINARIO


RIFORMA DEL TERZO SETTORE AGGIORNAMENTO 20 GENNAIO 2018

slide codice aggiornamento 20 gennaio 2018

slide registro coni aggiornamento 20 gennaio 2018


RIFORMA DEL TERZO SETTORE AGGIORNAMENTO 30 DICEMBRE 2017

Il Responsabile Nazionale dell’Organizzazione, Pier Luigi Ferrenti, ha tenuto, a margine dell’Assemblea Nazionale AICS del 15 dicembre u.s., una relazione su alcuni aspetti delle ultime disposizioni che interessano direttamente le strutture periferiche.
Per opportuna conoscenza e per potersi conseguentemente adeguare, ho ritenuto di pubblicare le slides aggiornate del suo intervento.

SLIDE REGISTRO CONI AGGIORNAMENTO 30 DICEMBRE 2017_def3

Manuale_ASD_per_RSSD


RIFORMA DEL TERZO SETTORE

Prossimo appuntamento: Sabato 30 settembre 2017
incontro presso la sede del Comitato Regionale Toscana Via I. Da Diacceto 3/b dalle ore 14.30 alle ore 16.30.
L’incontro è riservato ai membri dell’Assemblea regionale AICS Toscana, ma aperto a tutti gli associati che intendono partecipare per ricevere informazioni sulla Riforma del Terzo Settore.


Supplemento ordinario n. 43/L alla GAZZETTA UFFICIALE (Roma – Mercoledì, 2 agosto 2017 delle ore 19.30) il Codice del Terzo settore, a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106.
Supplemento ordinario n. 43/L alla GAZZETTA UFFICIALE (Roma – Mercoledì, 2 agosto 2017 delle ore 19.30) il Codice del Terzo settore, a norma dell’articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106.

Fonte: Gazzetta Ufficiale di Mercoledi 2 agosto 2017


Compendio de “Il Sole 24 ore” sulla Riforma del Terzo Settore

Fonte: Il Sole 24 ore di Mercoledì 12 luglio 2017


Il 28 giugno 2017 il Consiglio dei ministri ha approvato, cinque giorni prima della scadenza prevista per il 3 luglio, gli ultimi tre decreti legislativi che daranno corpo alla riforma del terzo settore (legge delega 106/2016): si tratta dei decreti sul codice del terzo settore, sull’impresa sociale e sulla nuova disciplina del cinque per mille (vedi in allegato i testi).

Il ministro del Lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, affiancato dal sottosegretario Luigi Bobba, ha sottolineato in una conferenza stampa che i provvedimenti riguardano 300 mila associazioni, 1 milione di lavoratori, oltre 5 milioni di volontari. E che si tratta di “un riconoscimento politico e normativo a questo grande mondo”, volto a “superare la frammentazione della normativa e a introdurre elementi di innovazione”.

Tuttavia, come si legge sul sito di Csvnet, prima che facciano sentire i loro effetti ci saranno decine di decreti ministeriali e di scadenze. Saranno molti infatti i passaggi da compiere prima che quanto previsto dalla riforma diventi effettivo. Carlo Mazzini di Quinonprofit.it ha calcolato che dovranno essere stilati ben 31 decreti ministeriali e che ci saranno varie altre scadenze da rispettare.

Di particolare interesse per il sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato il decreto sul Codice del Terzo Settore che al Capo II, articoli 61-66 introduce nuove e importanti novità circa l’accreditamento dei Csv, il loro finanziamento, funzionamento e controllo.

Di seguito alcune delle norme più significative riguardanti i Csv:

[art. 61, comma 1, lettera a, d, f]
Possono essere accreditati come centri di servizio per il volontariato, di seguito CSV, gli enti costituiti in forma di associazione riconosciuta del Terzo settore da organizzazioni di volontariato e da altri enti del Terzo settore, esclusi quelli costituiti in una delle forme del libro V del codice civile, ed il cui statuto preveda:
a) lo svolgimento di attività di supporto tecnico, formativo ed informativo al fine di promuovere e rafforzare la presenza ed il ruolo dei volontari negli enti del Terzo settore.
(…)
d) l’obbligo di ammettere come associati le organizzazioni di volontariato e gli altri enti del Terzo settore, esclusi quelli costituiti in una delle forme del libro V del codice civile, che ne facciano richiesta, fatta salva la possibilità di subordinare il mantenimento dello status di associato al rispetto dei principi, dei valori e delle norme statutarie (art. 61, lettera d).
(…)
f) l’attribuzione della maggioranza di voti in ciascuna assemblea alle organizzazioni di volontariato.

[art. 63, comma 1]
I CSV utilizzano le risorse del FUN loro conferite al fine di organizzare, gestire ed erogare servizi di supporto tecnico, formativo ed informativo per promuovere e rafforzare la presenza ed il ruolo dei volontari negli enti del Terzo settore, senza distinzione tra enti associati ed enti non associati, e con particolare riguardo alle organizzazioni di volontariato.

Illustrando le principali novità dei crecreti, Bobba ha affermato che “per la prima volta abbiamo una definizione di cos’è il terzo settore. Fino ad ora era solo una formula sociologica descrittiva. Ora è riconosciuto dalla legge: l’architrave di questa regolamentazione è in un unico registro del terzo settore. Fino ad oggi ce n’erano tanti, la situazione non era trasparente, qualche volta era anche opaca. Da quando sarà avviato il registro ci sarà un unico punto di riferimento, gestito dalle regioni su un’unica piattaforma nazionale. Questo significa più trasparenza e informazioni più ricorrenti. E per le istituzioni una migliore conoscenza dei soggetti a cui si erogano i fondi”.

Inoltre la legge, come ha sottolineato il sottosegretario Bobba durante la conferenza stampa, ha una dotazione di 190 milioni di euro che nei diversi decreti sono stati per il 60% dedicati agli incentivi di carattere fiscale. Per le organizzazioni di volontariato, ad esempio, per ogni 100 euro di donazione, fiscalmente ne ritorneranno 35. Ci sarà “quindi un fondo per i progetti innovativi” che per il primo anno avrà una dotazione pari a 65 milioni.

Riguardo il decreto sull’impresa sociale Bobba ha evidenziato quattro punti salienti: ampliamento dei campi di attività; la possibilità di fare una parziale ridistribuzione degli utili; l’entrata nella governance delle imprese sociali, seppure in quota minoritaria, anche di soggetti profit e di enti pubblici; nuovi incentivi fiscali per le aziende ad investire nelle imprese sociali.

La riforma del 5 per mille, la cui copertura ammonta a 500 milioni strutturali, prevede infine “un meccanismo di erogazione più veloce”, al posto della media di quasi due anni previsti al momento; “una diversa ripartizione delle risorse in modo da evitare distorsioni”; e “un meccanismo di trasparenza in base al quale i beneficiari dovranno rendere conto con una informazione sostanziale di come impiegheranno le risorse che il cittadino destina loro”.


La Camera ha approvato il 25 maggio 2017  via definitiva – con 239 voti favorevoli e 78 contrari – la delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale. Ora il governo dovrà scrivere entro l’anno i decreti attuativi.

Riguardo ai Centri di Servizio per il Volontariato, le novità investono principalmente la loro composizione: infatti, potranno essere gestiti non solo dalle organizzazioni di volontariato ma da tutti gli enti del Terzo settore – sebbene negli organi di governo la maggioranza dovrà essere garantita al volontariato – e i servizi saranno erogati a tutti gli enti che si avvalgono di volontari.
Consulta il testo della legge (testo licenziato dal Senato il 30.03.2016 e approvato, senza modifiche e invia definitiva, dalla Camera il 25.05.2016).

Qui il Dossier della Camera con tutto l’iter legislativo e i documenti prodotti nel corso della discussione.

Leggi la notizia su Vita.it Redattore Sociale.

Dalla rassegna stampa di Csvnet:

Terzo settore, arriva l’ok. La riforma diventa legge
Avvenire, 26 mag 2016

Terzo settore, svolta storica per il no profit italiano
Unità, 26 mag 2016

 

fonte: www.cesvot.it


 INCONTRO DI FORMAZIONE – INFORMAZIONE

Nei primi giorni del mese di luglio saranno definitivamente approvati 3 decreti di attuazione delle legge sul 3° Settore licenziati dal C.D.M. il 12 maggio u.s.

Tali decreti, in particolare quello relativo al nuovo codice del 3° Settore, cambieranno profondamente la vita delle nostre Associazioni. Per questo si è ritenuto utile, per non dire indispensabile, un incontro di formazione – informazione dei Dirigenti/referenti delle Associazioni per conoscere cosa e come cambia.

La lezione, tenuta dall’Avv. Guido Martinelli, sarà introdotta e presieduta dal Vice Presidente nazionale dell’Aics Maurizio Toccafondi e si terrà

MECOLEDI’ 5 LUGLIO dalle ore 15,30 alle ore 18,00

Presso la sede del Comitato Provinciale Aics di Firenze
Via Luigi La Vista,1b (zona Cure – autobus n.1).

Ingresso Gratuito

 GIORNATA DI FORMAZIONE SULLA RIFORMA DEL TERZO SETTORE
organizzata dal Comitato Regionale AICS Toscana

Grande partecipazione al seminario organizzato dal Comitato Regionale AICS Toscana  sulla Riforma del Terzo Settore.
Presenti anche esponenti degli altri Enti di Promozione Sportiva e Presidenti di Associazioni e Circoli affiliati.
Molti i quesiti rivolti all’avvocato Martinelli, alta la partecipazione attiva al seminario sulla riforma del terzo settore.